Come cucinare il baccalà? Scopri alcune deliziose ricette

Ingrediente sempre più apprezzato in cucina, il baccalà rapisce per il suo sapore delicato e al tempo stesso deciso. Ma come cucinare il baccalà?

 

Baccalà in umido

Il baccalà in umido è da tempo uno dei piatti tipici di Venezia. In Veneto questo piatto è molto conosciuto e viene chiamato “Baccalà in tocio”. Questa ricetta si realizza pulendo il pezzo di baccalà,  facendo attenzione a rimuovere la pelle e le spine, per poi cuocere il tutto in padella con pomodoro, cipolla, sedano tritato ed erbe aromatiche.

 

Baccalà mantecato

Per realizzare questa ricetta, è necessario dissalare il baccalà, poi cuocerlo in acqua, latte, sale e successivamente ridurlo quasi in crema. Affinché questa ricetta venga nel migliore dei modi, è importante la riduzione dell’olio e del latte, che conferiscono al baccalà mantecato la squisita crema che più lo caratterizza.

 

Baccalà alla siciliana

Il baccalà alla siciliana è un secondo piatto di pesce molto apprezzato anche nel resto d’Italia. Si caratterizza di 5 ingredienti base: capperi, olive, aglio, pomodoro e olio EVO. E’ cucinato in umido con l’immancabile pomodoro che in mancanza di quello fresco può essere sostituito dai pomodori pelati e con l’aggiunta di capperi, uvetta e pinoli.

 

Baccalà alla fiorentina

Un piatto classico della tradizione gastronomica toscana, veloce ed estremamente saporito. La ricetta originale prevede il baccalà, ma è possibile utilizzare il merluzzo sotto sale. In questo caso, bisogna tenerlo in ammollo per almeno un giorno e una notte. E’ un piatto rustico che consiste nel cuocere il baccalà già ammollato in umido con il pomodoro e vari aromi.

Baccalà alla romana

Ricetta tipica del periodo natalizio che richiama lo street food, la procedura è molto semplice. Gli ingredienti principali sono il baccalà e le patate, entrambi rigorosamente fritti e poi serviti in coni di carta gialla accompagnati da salse fatte in casa.