In cosa consiste una visita cardiologica?

Cardiologia Brescia

Le patologie cardiache rappresentano la principale causa di morte nel mondo. I ritmi frenetici della vita moderna sottopongono il nostro organismo ad uno stress elevatissimo che spesso,purtroppo, può ripercuotersi sulla funzionalità di uno degli organi indispensabili per la vita dell’uomo: il cuore. La cardiologia Brescia si occupa di studiare e di trattare le malattie e i disturbi che colpiscono il cuore e le arterie.

Nel corso della vita infatti possono manifestarsi particolari situazioni di salute che rendono necessario ricorrere ad una visita cardiologica. Quest’ultima è finalizzata a produrre una diagnosi relativa a un eventuale problema di natura cardiologica, che riguarda cioè il cuore. Lo screening è fondamentale perché alcune malattie cardiovascolari che si presentano senza mostrare sintomi iniziali. I controlli frequenti consentono di prevenire malattie con esiti importanti e persino mortali come nel caso di infarto e collasso cardiocircolatorio.

Visita cardiologica: le diverse fasi

 La visita si svolge in tre momenti. In un primo momento il cardiologo fa l’anamnesi, dove il cardiologo raccoglie tutte le informazioni utili riguardanti l’alimentazione, lo stile di vita e la storia clinica del soggetto. In un secondo momento il cardiologo procede alla visita vera e propria con la misurazione della pressione arteriosa, dove viene valutata la frequenza cardiaca, l’ingrossamento del fegato, il gonfiore degli arti inferiori e altri segni clinici.

In una terza fase il cardiologo effettuerà un elettrocardiogramma che consiste nell’applicazione di elettrodi su torace, polsi e caviglie. Una visita cardiologica è importante anche per quei pazienti che pur non avendo alcune delle patologie appena indicate manifestano sintomi che possono allertare come dolore toracico, affanno, svenimento o capogiri. È consigliato chiedere un appuntamento con il cardiologo ogni volta che si ha a che fare con sintomi o segnali che coinvolgono la salute del cuore, parlandone con il proprio medico per stabilire se è il caso di rivolgersi a un cardiologo.