Scopriamo 5 motivi per cui vale la pena realizzare un orto verticale 

Se si ama coltivare piante o ortaggi ma non si ha un grandissimo spazio, la soluzione è rappresentata dall’orto verticale. Molti amanti del verde che vivono in città devono affrontare un problema grande, quello dello spazio. L’orto verticale consiste in pratica in una disposizione in verticale dei contenitori che vengono usati per la coltivazione. Vediamo quindi 5 ragioni per allestire un orto verticale, motivazioni senza dubbio accattivanti che vanno al di là della moda e del successo che questi particolari orti hanno riscosso nel corso del tempo. 

 

Recinzione naturale 

L’orto verticale è in grado di fare una sorta di recinzione naturale per difendere la propria privacy da occhi indiscreti. Inoltre è gradevole da vedere a livello estetico, specialmente quando le piante fanno i fiori. 

 

Protezione dagli agenti atmosferici 

L’orto verticale fa da scudo contro gli agenti atmosferici e soprattutto contro i raggi ultravioletti che come si sa sono molto dannosi per l’uomo. In pratica questi orti formano una sorta di muro verde, pulito ed ecologico, fornendo un valido ausilio contro la pioggia, il vento, il sole e anche l’umidità. 

 

Purifica l’aria 

L’orto verticale migliora anche la qualità dell’aria rimuovendo l’anidride carbonica in eccesso e assorbendo anche l’aria malsana che viene dalle tinture delle pareti e da quelle dei tappeti. In pratica hanno una funzione che va al di là dell’avere un semplice orto e di poter assaporare prodotti di cui si conosce la provenienza. 

 

Semplice da realizzare 

Un orto verticale si costruisce in maniera semplice e veloce utilizzando materiale di riciclo come possono essere vecchi pallet, vecchie scarpiere, oppure delle semplici bottiglie di plastica. 

 

Facile da coltivare 

A differenza di un orto tradizionale, l’orto verticale non ha bisogno di essere zappato e rastrellato, facendo diminuire di molto il lavoro fisico nonché la fatica che generalmente accompagna il lavoro nei campi.